A cura di P. GIAMMARCO, F.S. ROTA, C. CASALEGNO (2015)

La Sfida dell'IntangibileLa Sfida dell'intangibile. Strumenti, tecniche, trend per una gestione consapevole nei territori e nelle organizzazioni, 
Franco Angeli Editore, Milano.

Premessa di P. GIAMMARCO; 
Prefazione di G. LAZZARINI, P. MONTRUCCHIO, G. C. PICCO, L. CARONI, ;
Introduzione di P. GIAMMARCO, F. S. ROTA, C. CASALEGNO

Contributi di P. GIAMMARCO, G. LAZZARINI, E. ALLASIA, M. G. LUCIA, M. COLOMBERO, C. CASALEGNO, T. STOBBIONE, A. MASTINU,  F. S. ROTA, S. BRINO,  A. C. PELLICELLI, R. ANGOTTI, G. PERANI, L. CARONI, F. MOSCA, D. BOGGIO. 

L'indubbio periodo di crisi mette a dura prova tutte le tipologie di realtà organizzate. Se le basi del vantaggio competitivo negli anni '80 facevano riferimento a elementi tangibili, dagli anni '90 in poi l'attenzione si è spostata sempre di più su quelli intangibili che meglio si configurano come base del vantaggio competitivo, in un ambito in costante evoluzione. In un ambiente così dinamico la sfida implica la salvaguardia dei propri vantaggi competitivi, andando ad analizzarne le basi nel profondo.

A cura di G. LAZZARINI, P.GIAMMARCO, P. MONTRUCCHIO (2014)

Creatività e Innovazione in aziendaCreatività e innovazione in azienda. Elementi per aggredire la crisi, 
Gruppo 24Ore, Milano.

Premessa di G.C. PICCO; 
Prefazione di P. GENNARI SANTORO; 
Introduzione di G. LAZZARINI, P. GIAMMARCO, P. MONTRUCCHIO. 

Contributi di G. LAZZARINI, E. ALLASIA, P. GIAMMARCO, T. STOBBIONE, A. MASTINU, A. FASANO, M. ALBANESE, M. CRISTIANO, E. ORRU’, M. G. LUCIA, F. S. ROTA, S. BRINO,  L. CARONI, M. COLOMBERO, D. BOGGIO, P. MONTRUCCHIO, R. ANGOTTI, G. PERANI.

La crisi dei mercati ha portato molte aziende a rivedere i propri approcci in materia gestionale e le riflessioni dei manager di molte aziende si sono sempre più arricchite di concetti quali: senso di appartenenza, comprensione delle rispettive difficoltà, condivisione di conoscenze, produzione di creatività. In altre parole di intangible asset.

Il gruppo di ricerca InCreaSe nasce dalla convinzione che la conoscenza e l’esperienza dei propri ricercatori debbano contribuire al benessere sociale e al conseguimento di uno sviluppo sostenibile, inclusivo, equo e stabile