Progetto ERASMUS+  FLA.M.Eu.

Fla.M.Eu. è un progetto Erasmus+ su piccola scala dalla durata di 24 mesi che coinvolge due partner: l’associazione Increase, in qualità di capofila del progetto con sede a Alpignano (Torino) e NBDN, associazione bulgara (Razlog, Sofia) in qualità di partner.

Il progetto ha lo scopo di individuare adulti capaci di instaurare un rapporto diretto con il giovane Neet, percependo, e inquadrando i suoi bisogni, sia espressi che inespressi, al fine di individuare le forme di sostegno più adeguate. Una figura flessibile, capace di personalizzare il più possibile il percorso di crescita in base alle caratteristiche dei giovani coinvolti. La persona che vogliamo formare è quindi un mix di competenze professionali e sensibilità umana e per questo lo abbiamo definito FLANK MOTIVATOR, perché motiva il giovane ma lo sostiene anche in un percorso di crescita. 

I Neet possono essere definiti come giovani adulti "svantaggiati", sia per il loro ambiente di origine (famigliare, geografica, condizione sociale/culturale e o nazionalità) sia per la loro effettiva condizione (non occupati, non inseriti in percorsi di istruzione o formazione) che li pone al margine della società. 

Il progetto aspira ad una forma di "innovazione sociale", intesa come "nuova" per i beneficiari a cui si rivolge in quanto propone un modello di sostegno ai NEET inseriti in un contesto adulto di riferimento, diverso da quelli che solitamente operano in luoghi formali/istituzionali, ed allo stesso tempo innovazione sociale in termini di "interazioni tra attori sociali" in quanto il progetto mira a fondere diversi profili ed età, per un più forte sviluppo delle capacità e l'empowerment del personale di educazione degli adulti. 

Segui le nostre attività per questo progetto Erasmus+ sul nostro sito e sui social Pagina Facebook del Progetto

IL CORSO – GIUGNO 2022- MARZO 2024 

FLA.M.Eu mira creare un modello di sostegno ai Neet inserito in un contesto adulto di riferimento diverso da quelli che solitamente operano in luoghi formali e istituzionali. 

Attività 

ATTIVITÀ 1 – INIZIO DEI LAVORI (online – ½ GIORNATA FINE GIUGNO 2022) 

Riunione di avvio con presentazione del progetto e conoscenza reciproca. 

ATTIVITÀ 2 – CONDIVISIONE DI ESPERIENZE (online - ½ GIORNATA DA LUGLIO A SETTEMBRE 2022) 

Serie di incontri virtuali tra i due gruppi di partecipanti per conoscere in modo approfondito il progetto. 

ATTIVITÀ 3 – SCAMBIO TRANSNAZIONALE: PROFILO FLA.M.Eu (Torino, Italia – 5 GIORNI A OTTOBRE/NOVEMBRE 2022) 

Incontro tra due gruppi partecipanti, workshop e creazione del profilo del FLA.M.Eu. 

ATTIVITÀ 4 – FLA.M.Eu CORSO DI FORMAZIONE (nel proprio Paese di riferimento – APRILE 2023 – OTTOBRE 2023 - formazione in aula con possibilità di online in caso di necessità/limitazioni) 

Corso di formazione su conoscenze, competenze e abilità del FLA.M.Eu. 

ATTIVITÀ 5 – SCAMBIO TRANSNAZIONALE (Razlog, Bulgaria – GIUGNO 2023) 

Aggiornamento delle attività svolte e incontro con le imprese locali. 

ATTIVITÀ 6 – PILOTAGGIO (nel proprio Paese di riferimento – OTTOBRE 2023 – GENNAIO 2024) 

I FLA.M.Eu formati faranno esperienza delle competenze e abilità apprese su un gruppo di Neet selezionati. 

 

ATTIVITÀ 7 – EVENTO FINALE (nel proprio Paese di riferimento – FEBBRAIO – MARZO 2024) 

I partecipanti parteciperanno attivamente all'evento finale organizzato nel loro Paese presentando la loro esperienza.

 

ERASMUS DAYS 2022
 
 
The Italian research group InCreaSe and the Bulgarian National Business Development Network cooperate in the project FLA.M.Eu to select and train 10 FLAnk Motivators to endow them with competences, knowledge and skills aimed at preventing the NEET phenomenon, identifying these young individuals aged 18-24 “Not in Education, Employment not Training”, and accompanying them in a path of professionalization and self-empowerment.
 
Qui di seguito la locandina dell'evento organizzato il 17 ottobre 2022 (orario 10-12) presso il Circolo dei Lettori di Torino 

 


Il gruppo di ricerca InCreaSe nasce dalla convinzione che la conoscenza e l’esperienza dei propri ricercatori debbano contribuire al benessere sociale e al conseguimento di uno sviluppo sostenibile, inclusivo, equo e stabile