PROGETTO "ABITARE IL BOSCO"

Con questo innovativo progetto avviato nel 2021, InCreaSe si propone di attivare sul tema dei boschi una discussione aperta, positiva, operativa e localmente partecipata, che, commisurata alla particolarità dei luoghi e del periodo storico che stiamo vivendo, catalizzi interessi e consensi attorno a pochi orientamenti paradigmatici.

Il primo di questi orientamenti o nuovi paradigmi del bosco riguarda la necessità di immaginare presso le comunità forme nuove di vivere il bosco e entrare in armonia con esso, approfondendone la conoscenza e condividendone i destini piuttosto che cercando di appropriarsene per soddisfare le proprie esigenze. Da questo punto di vista, la letteratura indentifica una ulteriore nuova forma di attribuzione di valore, in base alla quale la natura è considerata al pari di un membro della comunità di individui che popolano un dato territorio. Il secondo orientamento è quello che contempla come necessario un coinvolgimento attivo delle comunità locali nei confronti dei propri boschi. Un coinvolgimento che passa anche attraverso i sentimenti, l’educazione ambientale e la sensibilizzazione. In pratica, occorre trovare i modi migliori per cui le persone si sentano coinvolte e responsabilizzate nella cura del bosco.

Sono stati coinvolti nel gruppo di coordinamento e lancio del progetto figure esperte con competenze in materia di boschi e sviluppo territoriale. Tra questi: i ricercatori e le ricercatrici di InCreaSe (Guido Lazzarini, Maria Giuseppina Lucia, Luigi Bollani, Francesca Silvia Rota, Paola Lazzarini), esperti dell'Università del Piemonte Orientale (Stefania Cerutti, Paola Menzardi), dell'Università di Torino (Giovanni Bovio, Prof. Vecchio, Prof.ssa Zanini),  di Ires Piemonte (Fiorenzo Ferlaino), dei Vigili del Fuoco, degli Alpini (Angelo Soave), del Corpo Volontari Antincendi Boschivi del Piemonte, del Bosco delle Sorti - La Communa (Mariangela Migliardi), dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali, della Regione Piemonte.

Il primo prodotto dell'attività di ricerca del gruppo è stata la redazione di un Manifesto, denominato come il progetto, "Abitare il Bosco" rivolto alla sottoscrizione di tutti.

Inizialmente, la prima stesura del Manifesto è stata proposta ai Soci e al collaborati di InCreaSe per un riscontro sui contenuti e l’identificazione delle prime Associazioni firmatarie. Ultimata questa prima fase di sottoscrizione da parte di Enti, Istituzioni, Organizzazioni e Imprese, sarà attivato online un form per la raccolta delle sottoscrizioni anche individuali.

Respp. scientifici del progetto: Guido Lazzarini, Maria Giuseppina Lucia

Project manager: Francesca Silvia Rota

per informazioni scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

vai alla pagina di pubblicazione del MANIFESTO ABITARE IL BOSCO

vai al FORM di SOTTOSCRIZIONE INDIVIDUALE

vai al MODULO di SOTTOSCRIZIONE PER ENTI E ASSOCIAZIONI

 

   

  

 


Scheda progetto (IN VIA DI AGGIORNAMENTO, ultimo aggiornamento 8 novembre 2022)

 

Punto di partenza: unicità (ecologica, ecosistemica, storica, culturale, paesaggistica) e fragilità (incendi, malattie, animali selvatici, sicurezza) della risorsa boschiva

Metodo: ricerca-azione, coinvolgimento delle comunità locali nella gestione dei boschi

Obiettivi attesi: fornire indicazioni di azione perché le comunità possano vivere pienamente i loro boschi, farli conoscere, farli diventare parte vissuta del territorio e dell’esperienza turistica.

Struttura:

1. Redazione del Manifesto (avvio sottoscrizioni settembre 2022)

2. Progetto didattico con le scuole della Zona di Salvaguardia "Bosco delle Sorti - La Communa" (settembre-maggio 2022)

3. Comparazione tra Boschi delle Sorti (avvio studio ottobre 2022)

4. Animazione sul tema dei piani di assestamento forestale e sulle azioni di gestione partecipata dei boschi

Attività concluse:

Presentazione contributo Lucia-Rota alle Giornate del Turismo 2022

 

 


Il gruppo di ricerca InCreaSe nasce dalla convinzione che la conoscenza e l’esperienza dei propri ricercatori debbano contribuire al benessere sociale e al conseguimento di uno sviluppo sostenibile, inclusivo, equo e stabile